Di Alastor Maverick e L.A.Mely

Cari eroi delle Lande Percorse, oggi vi voglio parlare di uno degli ultimi libri targato DZedizioni, dal titolo “SteamBros Investigations – L’armonia dell’Imperfetto”.

Ma andiamo con ordine. Prima un paio di dati tecnici e subito dopo le mie considerazione.

Titolo: SteamBros Investigations – L’armonia dell’Imperfetto
Genere: Giallo/Steampunk
Autori: Alastor Maverick e L.A.Mely
Casa editrice: Dark Zone (DZedizioni)
ISBN: 88-99845-08-5
EAN: 9788899845087

Sinossi: 

Il mondo è dominato dalla meraviglia dei motori a vapore e delle macchine elettriche. La gloria e il lusso appartengono ai ricchi e ai potenti che lasciano le classi meno abbienti a vivere nella miseria. In questo miasma di fumo e carbone emergono le menti più brillanti, siano esse volte al crimine o alla giustizia. Nicholas e Melinda Hoyt sono due investigatori privati, schierati al servizio della giustizia, fondatori dell’agenzia “Hoyt Brothers Investigations”. Quando un apparente caso di suicidio porta a galla frammenti del loro passato, solo una grande dose di fortuna, intelligenza e vapore potrà far emergere la verità e salvargli al vita.

Recensione:

Questo romanzo, a mio avviso, è alquanto interessante, poiché unisce due stili a me molto cari, ovvero lo steampunk e l’investigativo stile Conan Doyle. Devo dire che, all’inizio, ero un po’ scettico su questa miscellanea di generi letterari così diversi fra loro, e temevo che lo stile investigativo, per il quale stravedo, potesse essere “manomesso” dalla presenza della tecnologia. Certo, in questo primo volume, lo steampunk è solo lievemente accennato, ma vi assicuro che la sua presenza si fa sentire in tutta la sua potenza, come il ronzio di una zanzara in una calda notte di mezz’estate e, quindi, il rischio di una distonia fra i due generi rimaneva, per me, molto alto.

Per fortuna, le mie paure si sono immediatamente dissipate con lo scorrere delle pagine, perché ho potuto notare come i due autori – questo, infatti, è un romanzo scritto a quattro mani – fossero stati capaci di far interagire questi due stili, agli antipodi, quasi alla perfezione. Non ho notato, di fatto, forzature di nessun tipo, né in una direzione né in un’altra, e questo mi è piaciuto, perché ha creato uno stile che ha in sé una sua unicità.

Lo stile è pregnante e i due protagonisti (che sembrano le fotocopie dei due autori) sono ben caratterizzati e subito conquistano le simpatie del lettore con il loro carattere forte e deciso, ma, soprattutto, con le loro deduzioni alla Sherlock Holmes. La storia è intrigante, soprattutto negli scenari che apre alla fine del libro e che saranno il perno su cui girerà il prossimo volume (che non vedo l’ora di leggere).

Ovviamente, essendo un’opera prima, questo testo presenta anche delle “ingenuità” stilistiche e narrative, che, però, sono sicuro, i due scrittori sapranno colmare perfettamente.

A questo punto, mi rimane solo di invitarvi a leggere questo libro, che potrete trovare su tutti gli store on-line e nelle migliori librerie.

Diego

Per finire un paio i di Link dove trovare questa pregiatissima opera:


Distributore librerie: LIBROCO 

Link acquisto cartaceo online
(Disponibile anche sulle maggiori librerie digitali -Amazon, ibs, libreriauniversitaria, ecc…)

E-book su amazon (disponibile anche per gli abbonati a Kindle Unlimited)

 

Annunci